:: Login
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!
:: Menu principale
Inviato da Ferruccio il 10/7/2008 18:17:18 (1558 letture)

Domenica 29 giugno il folto gruppo del Coro e amici, ben 70 persone, hanno organizzato la gita a Cortina D'Ampezzo. Un modo simpatico per coinvolgere le famiglie ed i sostenitori, con i quali condividere un momento di festa e di svago, con il pranzo preparato dai provetti cuochi del gruppo. Nel pomeriggio la parte ufficiale dell'uscita, con la S. Messa al piccolo Santuario dedicato alla Madonna di Fatima, nella cornice stupenda del Pelmo, tra gli alberi secolari di Borca di Cadore.
Celebrata dall'aiuto Parroco di Borca don Igino e dal capellano di Cittadella don Luca, in memoria delle sorelle Giulia e Marta Baggio, scomparse nel maggio del 2006, ha visto il Coro accompagnare la cerimonia e tenere alla fine un breve concerto. Erano presenti numerosi amici padovani e cadorini ed il papà Franco. (immagini nell'archivio fotografico)


Inviato da Ferruccio il 9/7/2008 9:19:31 (894 letture)

Sabato 5 luglio, dopo breve malattia, è scomparso Primo Gioco, papà del nostro Maestro Paolo. Il Coro e tutti gli amici partecipano al dolore suo e della famiglia.


Inviato da Ferruccio il 23/6/2008 12:32:10 (990 letture)

Finalmente è uscito il nuovo CD. Da sabato 14 giugno è disponibile, per gli appassionati, rivolgendosi ai coristi od al tesoriere Luigino Castegnaro. Si può telefonare al numero 0444 451070 o scrivere al sito del Coro.
Il Maestro Paolo Gioco ha voluto rendere omaggio ai nostri vecchi emigrati con una raccolta di grande significato umano e morale.
La registrazione presso l'auditorium della scuola media Silvio Negro di Chiampo e la grafica sono state curate da Stefano Mecenero.

1. Vajo Bianco(C. Lucato)
2. Quel mazzolin di fiori (A. Pedrotti)
3. La Villanella (L. Pigarelli) 4. Il testamento del Capitano (L. Pigarelli)
5. Sul ponte di Bassano (L. Pigarelli)
6. Il Golico (B. De Marzi)
7. La montanara (Ortelli- L. Pigarelli)
8. Angelina (G. Malatesta)
9. L'ultima notte (Geminiani- B. De Marzi)
10. Sole rosso (C. Lucato)
11. Rapsodia popolare (M. Lanaro)
12. Belle rose di printemps (T. Uselli)
13. 'Na volta gh'era (G. Malatesta)
14. Stelutis alpinis (A. Zardini)
15. Signore delle cime (B. De Marzi)


Inviato da Ferruccio il 12/6/2008 12:34:21 (1309 letture)

Come è oramai tradizione il Coro El Vajo organizza sabato 14 e domenica 15 giugno la tradizionale Sagra delle Ciliegie, con la 47 Mostra Provinciale. Un appuntamento voluto dall'Amministrazione Comunale a sostegno di un'attività cresciuta moltissimo negli ultimi anni. Per volontà del nuovo Sindaco Dott. Antonio Boschetto, le giornate si arricchiscono con la presenza in piazza di entità culturali e produttive. Il programma prevede:

Sabato 14

- ore 17.00 inaugurazione Mostra Personale di pittura dal titolo "Lessinia- Colore e Incanto" di Virgilio Antoniazzi.
- ore 18.00 Apertura Stands gastronomici a cura del Coro El Vajo.
- ore 20.30 ZonaMusica presenta: Esibizione Band Giovanile- Musica insieme
- ore 21.00 Mino Mistrorigo presenta"Le saracinesche" - Concerto live con musica dal vivo anni '60-'70-'80
Gazebo in piazza G. Zanella con ciliegie "Durona del Chiampo"
"Pesca di beneficenza a cura di Solidarietà Umana"

Domenica 15

Nella mattinata Mostra delle ciliegie e premiazioni
- Per tutto il giorno, dalle 8.00 alle 24.00, saranno aperti gli stands gastronomici a cura del Coro El Vajo.
- Dalle 9.00 alle 22.00 "L'artigianato del marmo in piazza a cura del Consorzio dei marmisti della Valle del Chiampo"
- Dalle ore 8.00 alle 18.00 Mostra Mercato con stands dei prodotti agricoli locali a cura della Comunità Montana Agno-Chiampo
- Ore 21.00 Cantazzurro- 6 edizione- Festival Nazionale per voci nuove (in caso di pioggia lo spettacolo sarà riproposto lunedì 16 giugno alle ore 21.00

Il Coro El Vajo vi aspetta a degustare le prelibatezze che gli amici cuochi hanno deciso di preparare per l'occasione. I prezzi per i pasti sono contenutissimi, con lo spirito di stare in mezzo alla nostra gente, che con passione ci sostiene e ci incoraggia.


Inviato da Ferruccio il 27/4/2008 19:30:12 (1119 letture)

In un clima di forte emozione il Coro ed i sostenitori dell'intera vallata hanno festeggiato i quarant'anni di fondazione. Presenti numerose autorità, civili e religiose, ben rappresentate dal dottor Antonio Boschetto, nuovo Sindaco di Chiampo, dal consigliere regionale Giuliana Fontanella e dai Padri francescani Antonio Camponogara e Damiano Baschirotto.
Il ricordo del nostro corista fondatore Giulio Tadiello, da pochi giorni scomparso, ha segnato l'intera manifestazione ed a Lui è stata dedicata. Resterà nei nostri cuori per la sua bontà, la sua semplicità, il suo equilibrio, la sua passione per il canto. Sempre pronto ad agire in prima persona, di esempio per i più giovani, di consigliere per i più maturi. E' stato nonno, papà, fratello, dall'alto della sua statura morale che lo rendava modello per tutti. In sala i suoi famigliari hanno voluto testimoniare l'affetto e la stima per il gruppo che, per 40 anni è stato la seconda casa per il loro congiunto.
Grande è stata la sorpresa per i presenti che hanno assiepato la sala. Guidati dal Maestro Paolo Gioco, che ha coordinato l'intera regia, i ragazzi hanno interpretato i brani più significativi interpretati dal Vajo a partire dalle origini, sotto la direzione dei Maestri Abramo Fracaro, Candido Lucato, Mario Marchesi e Paolo Gioco. A fare da canovaccio le letture del Maestro Tiberio Bicego, su testo curato da Ferruccio Zecchin, con il racconto di alcuni momenti significativi della grande avventura della corale. Momenti di gioia, di difficoltà, di speranza, di rinascita. L'interpretazione dei brani, molto riuscita, ha eletrizzato il pubblico che è rimasto inchiodato sulla sedia per due ore senza fiatare, assorto dal racconto e dalle melodie.
In chiusura una sequenza di imagini hanno ricordato l'amico Giulio, sulle note del canto a Lui tanto caro "Ne la to cuna", interpretato dal coro in un clima di struggente commozione.
Significativi gli interventi conclusivi, da parte delle autorità che hanno espresso il concetto del patrimonio umano ed artistico significato da gruppo, che porta in ogni angolo della terra il nome di Chiampo, cantando gioia, serenità e pace tra i popoli.


Inviato da Ferruccio il 18/4/2008 20:07:16 (903 letture)

I ragazzi del Coro, dopo la morte di Giulio, hanno deciso di confermare la serata di sabato 26 aprile, sentita anche la famiglia che in tal senso si è pronunciata. L'evento, che ricorda i 40 anni della fondazione del gruppo, sarà dedicato al nostro corista e Vice Presidente.


Inviato da Ferruccio il 18/4/2008 19:51:06 (1239 letture)

Giulio Tadiello, uno dei coristi fondatori ancora in attività, è "andato avanti", come usano dire gli alpini. La notizia è giunta improvvisa ed inaspettata. Nulla lasciava presagire che il suo cuore cedesse di schianto. Una perdita incalcolabile per il Coro e per tutti coloro che l'hanno conosciuto. Imprenditore di successo nel mondo delle costruzioni, grazie alle sue indiscusse capacità, ha collaborato con progettisti famosi, firmando lavori che resteranno nella storia. Ricordo, fra tutte, la Chiesa del Villaggio Giardino in Arzignano (VI), opera del famoso architetto Michelucci, autore, tra l'altro, della Chiesa sull'autostrada in prossimità di Firenze. Uomo semplice, amava intensamente il canto. Sempre presente alle prove, era di esempio per i più giovani, ai quali non lesinava consigli. Da molti anni Vice Presidente del gruppo, esercitava con discrezione la sua opera di sprone verso traguardi sempre più ambiti. Il suo ultimo impegno, prima del malore, è stata la prova di giovedi 10. Accusava un po' di malessere dal pomeriggio ma non è mancato all'impegno serale. Una testimonianza che va oltre ogni umana considerazione. Resterà nel nostro cuore per sempre. Lunedì lo accompagneremo nel suo breve ultimo tragitto terreno. Saremo al suo fianco in quella Chiesa che tanto amava, come fosse una creatura viva. Canteremo per accompagnarlo in Paradiso, dove troverà i vecchi coristi ad aspettarlo. Certamente hanno preparato un posto nel coro degli angeli.


Inviato da Ferruccio il 15/4/2008 12:16:09 (1348 letture)

Sabato 26 aprile, alle ore 20.30, nell’Auditorium del Comune di Chiampo, si terrà il tradizionale Concerto di Primavera. Il Coro El Vajo ricorda, nell’occasione, i quarant’anni dalla fondazione, con una serata particolare. Accompagnati dalle letture di brevi brani della sua storia, interpretati da Tiberio Bicego, saranno proposti canti che testimoniano il modificare del repertorio nel tempo, a partire dal maestro Abramo Fracaro per arrivare a Paolo Gioco attraverso l’esperienza di Candido Lucato e Mario Marchesi. Rivedremo immagini, curate da Stefano Mecenero, che raccontano i protagonisti di questa grande avventura.
Confidiamo nella Tua presenza, per dare lustro all’incontro.
Ecco in anteprima il programma.

1. La Montanara Ortelli – Pigarelli
2. Sul rifugio Popolare
3. Quel mazzolin di fiori A. Pedrotti
4. La contrà dell’acqua ciara B. De Marzi
5. Gaudeamus igitur J. Brahms
6. Belle rose du printemps T. Usuelli
7. Angelina G. Malatesta
8. Sole rosso C. Lucato
9. Vajo bianco C. Lucato
10. Ne la to cuna C. Lucato
11. Non potho riposare M. Marchesi
12. Piccola suite infantile P. Bon
13. El Pignaten (Done, done) Popolare
14. Da unten im tale J. Brahms
15. Cantemo Zazerin V. Belavert
16. Intermedio di solfanari A. Banchieri
17. L’ultima notte Geminiani – De Marzi
18. Nel vento…. Zanconato - Gioco
19. Mentre la bella Dafne G. Croce
20. Petalo di rosa B. De Marzi


Inviato da Ferruccio il 19/3/2008 18:28:33 (1235 letture)

Per festeggiare il quarantesimo anniversario di fondazione del Coro, si è pensato di organizzare una gita in montagna, per domenica 29 giugno 2008.
La meta sarà il lago di Misurina.
Le spese del pullman saranno sostenute dalla cassa del Coro.
Verso le 16.00 ci si ritroverà nei pressi di Borca di Cadore, dove ci sarà una S. Messa in memoria delle sorelle Marta e Giulia Baggio, scomparse, poco più che ventenni, in un incidente stradale due anni fa.
L’iniziativa è degli amici di Cittadella (PD), che hanno chiesto al Coro di accompagnare la Messa e di eseguire, in conclusione, alcuni canti.
La celebrazione avverrà a fianco della piccola grotta consacrata dedicata alla Madonna, posta nella pineta, nello splendido scenario del Pelmo.
L’invito è rivolto a tutti i coristi, famigliari ed amici. L’adesione deve essere data telefonando a Luigino, in orario di lavoro, al numero 0444-451070, entro il 31 maggio p.v. Si accoglieranno domande fino ad esaurimento dei posti disponibili.
Sarà l’occasione per stare insieme in modo informale, come si faceva un tempo oramai lontano.

Ferruccio


Inviato da Ferruccio il 6/3/2008 14:56:43 (1452 letture)

Si terrà sabato 26 aprile prossimo, alle 20.30, presso l'Auditorium Comunale, il tradizionale Concerto di Primavera. Programmato con cadenza biennale, vede impegnato il Coro El Vajo nella proposta di un repertorio particolare per allietare i suoi sostenitori.
Ricorre quest'anno il quarantesimo di fondazione del Gruppo e la serata racconterà con parole, immagini e naturalmente il canto, la sua straordinaria storia. Con la regia del Maestro Paolo Gioco, rivivremo i momenti salienti, a partire dalla fondazione con Abramo Fracaro per arrivare, passando per Candido Lucato e Mario Marchesi, ai nostri giorni. Il programma definitivo è in fase di elaborazione e sarà ufficializzato sul nostro sito entro il corrente mese di marzo.
Vi aspettiamo numerosi.


Inviato da Ferruccio il 26/1/2008 9:43:03 (1556 letture)

Conclusa giovedì 24 gennaio la registrazione delle vecchie cante. Il maestro Paolo Gioco si è dichiarato soddisfatto della qualità, ad un primo esame del materiale raccolto. Tocca ora ai tecnici impostare il CD, per un esame più approfondito. L'uscita è prevista tra la fine di marzo ed i primi di aprile. Come anticipato, sono state registrate le cante popolari più conosciute e diversi brani degli alpini. Si è voluto, così, rendere omaggio al repertorio comune tra i cori, che ha determinato la nascita di centinaia di gruppi, uniti nella passione per il bel canto. Gioiranno, in particolare, le comunità venete sparse per il mondo, ancora legate alla madre terra tanto dal rendere possibile la nascita di cori veneti nelle terre di emigrazione. Con il pensiero a loro rivolto è stato affroontato questo impegno, non facile essendo alcuni brani da tempo dimenticati.


Inviato da Ferruccio il 17/1/2008 17:09:31 (2053 letture)

Come da tradizione, sabato 02 febbraio ci sarà la "Serata della Solidarietà", presso la Chiesa della Pieve di Chiampo. Inizio alle ore 20.30. L'organizzazione è del Coro El Vajo, in collaborazione con la Comunità della Pieve ed il Gruppo Solidarietà Umana.
Si esibiranno i Cori: "El Vajo" diretto da Paolo Gioco; "Tau" diretto da Giancarlo Ferrari; "La Pieve" diretto da Elisabetta Boschetto.
Quest'anno la raccolta di fondi è finalizzata a portare un aiuto concreto a Padre Michael Daniel, francescano impegnato in terra africana come Parroco nella capitale della Guinea Bissau. Un impegno gravoso, rivolto a popolazioni poverissime, prive di opportunità di lavoro e relegate ai margini della società. Frate Michael, che ha prestato servizio per qualche anno presso il Santuario della Pieve di Chiampo, si occupa anche dell'assistenza ai carcerati. Un particolare impegno è profuso in aiuto agli ammalati, in parte curati nell'ospedale di Cumura, gestito dalla Provincia Veneta dei Frati Minori e, quelli più gravi, negli ospedali del Portogallo, grazie ad una catena di solidarietà che, con la nostra serata, intendiamo alimentare. La qualità dei gruppi che si esibiranno permetterà di passare un'ora di svago in letizia. Nell'intervallo verranno proiettate delle immagini che testimoniano il lavoro dei francescani in terra di missione.


Inviato da Ferruccio il 12/1/2008 9:48:05 (1224 letture)

Come annunciato nel mese di ottobre scorso, iniziano le registrazioni per il nuovo CD. Il tema trattato sarà quello delle vecchie cante, così care ai nostri emigrati in terra straniera. La decisione è maturata dopo l'ultima tournée in Canada, dell'agosto scorso. Le comunità incontrate chiedevano a gran voce i canti della loro giovinezza, quando ancora vivevano in patria e si trovavano con gli amici a fare festa. Canti popolari della tradizione veneta e canti che ricordano la prima e seconda guerra mondiale, che tanto hanno inciso nella vita degli italiani del secolo scorso.
Un revival che è rivolto anche alle nuove generazioni. Senza la conoscenza del passato è difficile far crescere una società sempre più complessa e con valori morali labili ed incerti. Queste "fotografie canore" aiuteranno a riflettere ed a cogliere il messaggio di speranza che vogliono trasmettere. Importante è non voler essere sordi ed aprire il cuore alla speranza per un mondo migliore.


Inviato da Ferruccio il 20/12/2007 17:20:20 (1422 letture)



Quest’anno il Signore mi ha fatto capire quanto fragili siamo e quanto incerta sia la nostra esistenza. Vi assicuro che la prospettiva cambia in una frazione di tempo, quello necessario per capire che dentro di te hai un compagno di viaggio indesiderato, capace di mettere fine all’esperienza terrena.
In un attimo rivedi la vita e la scala dei valori appare nitida. Pensi alla famiglia, agli amici, ai collaboratori, alle cose fatte ed a quelle che avresti potuto fare. Ti senti impotente di fronte a problemi più grandi di te, fuori del tuo controllo. Ti affidi a Dio, nel quale hai sempre creduto e lo ringrazi perché, immeritatamente, ancora una volta si manifesta misericordioso. I medici fanno la loro parte, importante, per staccare da te quel nemico che si era annidato nel tuo corpo.
Ho sentito la vicinanza di tante persone, che hanno pregato e fatto il tifo per avermi ancora tra loro. Ho provato che l’affetto è un viatico straordinario, capace di mitigare i momenti di sconforto.
E’ un Natale diverso quello che sto per vivere; mi sento rinato.
A tutti auguro gioia, serenità e salute e che la grazia di Dio vi accompagni in ogni momento della vostra vita.
Ferruccio Zecchin


Inviato da Ferruccio il 19/12/2007 17:53:30 (1747 letture)

Inizia con la Rassegna di Osoppo il ciclo di impegni programmato per il nuovo anno. La serata sarà aperta da otto cante degli amici del Coro Kelidon e conclusa dal Coro El Vajo, con un'esibizione di una quarantina di minuti.
Si canterà nella Chiesa di Osoppo, con inizio alle ore 20.30.
Al termine le due corali interpreteranno insieme il "Va pensiero".


Inviato da Ferruccio il 5/12/2007 12:39:32 (1906 letture)

Il Coro, dopo 15 mesi di ininterrotta attività, dovendo onorare la tournée in Canada dell'estate scorsa, ha deciso di sospendere le prove per quattro settimane.
Si riprenderà martedì 11 dicembre, con le prove, in vista degli impegni natalizi e del Concerto di Osoppo previsto per il 5 gennaio prossimo.


Inviato da Ferruccio il 2/11/2007 11:41:15 (1239 letture)

Domenica 11 novembre, alle ore 18.00, nella Chiesa Parrocchiale, il Coro El Vajo terrà un concerto, in occasione della Festa di San Martino in Strata. Un appuntamento molto sentito, che vede gli organizzatori proporre i canti tipici della provincia veneta ai propri affezzionati. Quest'anno tocca al vicentino e in questa ottica va letto il gradito invito. Ci sarà la possibilità di gustare i canti tipici della tradizione, interpretati sotto la guida del Maestro Paolo Gioco.


Inviato da Ferruccio il 18/10/2007 22:57:39 (1232 letture)

La recente esperienza in terra canadese ha confermato il convincimento che i nostri emigrati "vogliono" sentire ed apprezzano le vecchie cante popolari e di montagna. Sono le melodie che hanno accompagnato la loro infanzia, quando ancora non pensavano di dover prendere una valigia di cartone in mano per andare a cercare la fortuna lontano dalla Patria. Colpisce il nostro cuore vedere le loro labbra scandire le parole dei nostri canti e notare lacrime di commozione scendere pian piano dai loro occhi arrossati.
Ecco il perchè della decisione di incidere un CD di antichi canti, che non è certo in linea con il lavoro di ricerca di nuove espressioni, messo in atto dal nostro maestro Paolo Gioco e condiviso dai coristi.
Non si può rinnegare il passato, sul quale fondano le nostre solide radici e ci torna facile vivere con intensità antiche emozioni.
Molti di noi hanno vissuto, parecchio tempo fa, la naia tra gli alpini e ricordano le faticose veglie notturne, cantando sottovoce pezzi che hanno fatto storia: "Il capitan de la compagnia", "Monte Canino", "Sul ponte di Bassano", "Stelutis alpinis", "La montanara", "Quel mazzolin di fiori", .......
In tempi più recenti ci hanno appassionato le composizioni di Bepi De Marzi, come "La casa", "Signore delle cime", "La sagra", "L'acqua ze morta "Cortesani" ........ e quelle di Candido Lucato, per 25 anni alla direzione del nostro gruppo: "Vajo Bianco", "La bionda alla finestra", "Dotore la gina me more", "Sole rosso",...... Per finire con "Il vento", melodia di Paolo Gioco e parole di Paolo Zanconato.
Il CD che uscirà entro l'anno è il nostro regalo per quella parte d'Italia che vive in terre lontane, accoglienti, feconde, ma pur sempre lontane dal paese natio.
Ferruccio Zecchin


Inviato da Ferruccio il 15/10/2007 19:44:46 (1152 letture)

Il Coro El Vajo ha partecipato al Concorso Nazionale di Cori di ispirazione popolare, tenutosi ad Ivrea il 14 ottobre 2007. Tredici i cori invitati, provenienti dal Friuli, Veneto, Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna. L'appuntamento, biennale, è organizzato dal Coro Alpino Eporediese, con la sponsorizzazione della Regione Piemonte, della Provincia di Torino e della Città di Ivrea.
La giuria era presieduta da:
Armando Corso, fondatore e direttore del coro "Monte Cauriol" di Genova
Bepi De Marzi, Musicista, fondatore e direttore del coro "I Crodaioli" di Arzignano.
Luigi Gianelli, direttore del Coro Alpino Eporediese di Ivrea.
Franco Monego, titolare della cattedra di musica corale e direzione di coro al conservatorio G. Verdi di Milano
Mauro Pedrotti, direttore del coro "SAT" di Trento.
El Vajo è stato ammesso alla finale, classificandosi quinto. Un risultato importante, tenuto conto che da più di trent'anni il gruppo non partecipava ad un concorso. Un'esperienza positiva, che ha contribuito alla crescita, sulla scia di un programma che vede il Maestro Paolo Gioco nella veste del trascinatore.
Un commento del tutto personale sento di fare, amando questo mondo straordinario che unisce persone di astrazione sociale così diversa. La giuria si è espressa certamente con grande competenza ed equilibrio, sulla base di cinque criteri, spiegati prima del gran finale dal presidente Armando Corso. Uno di questi privilegiava i gruppi che riproponevano i canti della vecchia tradizione, sommessamente criticando, nella esposizione, i cori che osavano presentare composizioni nuove. Sono rimasto deluso. Mi aspettavo, invece, un premio per questi nuovi compositori, che sulle orme dei vecchi Maestri, ben rappresentati proprio in giuria, cercano di tenere viva la fiamma dell'amore per il canto popolare. I grandi poeti e cantori sono oramai avanti negli anni e dovrebbero essere orgogliosi nel vedere che, pur con pudore e timidezza, qualcuno cerca di seguirli. Penso e spero che la "quasi unanimità" espressa dalla giuria nello stilare il giudizio finale, sia motivata da voci dissonanti, al suo interno, su questo criterio di valutazione.
Ferruccio Zecchin
Guarda alcune immagini della manifestazione Guarda alcune foto del concorso nazionale di Ivrea


Inviato da Ferruccio il 9/10/2007 14:38:30 (1018 letture)

Sabato 27 ottobre, alle ore 20.30, si terrà la 39^ Rassegna Corale, presso l'auditorium comunale di Chiampo. Appuntamento atteso dalla numerosa schiera di appassionati di canto popolare che da anni seguono il Coro El Vajo. Ospite d'onore sarà la corale lettone "Letgale", diretta dal Maestro Edgard Znutins e presieduta da Alberts Vucans.
Il gruppo, tra i più noti della Lettonia, porterà tra di noi brani della tradizione popolare, che ben interpretano il sentire della gente, in un'area geografica che ha vissuto terribili anni di dominazione sovietica. Introdurrà la serata il Coro El Vajo, reduce dalla recente tournée in terra canadese e dal lusinghiero quinto posto al concerso nazionale di Ivrea. Il Maestro Paolo Gioco riserva agli appassionati una piacevole sorpresa.



Ecco un breve profilo della corale:
Il coro dei professori ”Latgale”

Il Coro trae il proprio nome dalla provincia omonima dell’Est della Lettonia ove nasce.
Il Coro ”Latgale” fu fondato nel dicembre del 1972 mentre in Lettonia erano in corso i preparativi per il centenario della „Festa del Canto”.
Dalla sua fondazione il Coro conta una quarantina di componenti che hanno cantato negli anni sotto la direzione di
-Antonina Mezinska (nata nel 1923)
-Santa-Karina Osa (nata nel 1944)
-Alberts Vucans (nato nel 1949)
-Edvins Dzilums (nato nel 1955)
Dal 1993 il coro è diretto da Edgars Znutins (nato nel 1969) ed il presidente è Alberts Vucans.
Il Coro ha effettuato molti concerti in Lettonia e sono rimaste impresse le emozioni vissute durante le tournée in Russia, Lituania, Finlandia, Inghilterra e Francia.
Il Coro ha ottenuto il riconoscimento della Giuria Internazionale nei concorsi di Ventspils (1997) e Daugavpils (2000, 2003).
Nel 2001 il Coro ha inciso un CD ”Aiz azara augsti kolni”/Dietro il lago le colline sono alte.

I titoli delle canzoni

1. J. Lūsēns, M. Zālīte „
Man palīdzi”
Aiutami
E’ bello il mondo che Dio ha creato, ove ognuno di noi ha il proprio compito da assolvere. E’ soltanto con il Tuo aiuto Signore che possiamo compiere le nostre intenzioni ed i nostri desideri.

2. R. Dubra,
”Lūgšana”/
Preghiera/ Salmo nr. 25
Speriamo in Dio, nel dolore e nella gioia. Signore Ti preghiamo, rimani sempre in mezzo a noi. Dacci la Tua pietà e prendici per mano sul percorso della nostra vita. Perdonaci dei nostri peccati e dacci la speranza della Tua misericordia.

3. K. Nysted „Laudate”

4. A. Vecumnieks ”Ave Maria”

5. L. Garūta ”Mūsu Tēvs”/Pater Noster/

6. L. Cherubini „Veni Jesu”

7. M. Brauns
”Saule, Pērkons, Daugava”/
Il Sole, il Tuono, Daugava/
Il destino del popolo lettone viene spesso associato al mar Baltico. Il fiume più importante della Lettonia, il Daugava, rappresenta questo destino nel modo più vero.

8. P. Barisons
” Dziesmai šodien liela diena”
Canzoni in festa
Cantiamo, amiamo cantare, le nostre canzoni esprimono forza e amore e speriamo che i nostri canti vivino in eterno.

9. S. Mence
”Neba maize pate nāca”/
Senza lavoro non c’è pane
Nessun lavoro è facile e per ottenere il pane dobbiamo lavorare molto ma dopo aver ben lavorato meritiamo far festa.

10. S. Broks
”Visi ciema suņi rēja”/
Tutti i cani del paese hanno abbaiato
Un tempo i giovannotti erano abituati ad andare di paese in paese, magari di nascosto, senza dirlo ai loro genitori, in groppa al destriero. Erano accolti dall’abbaiare dei cani. Cercavano di sedurre le ragazze con la fantasia, la gentilezza o a volte dimostrando di saper lavorare bene. Il loro punto d’orgoglio era mostrare il loro cavallo ben curato.


11. A. Kuprisa
”Ģērbies saule sudrabota”
Oh Sole, rivestiti d’argento
Sole, caro sole che risplendi per tutti noi, sei fonte della nostra gioia.

12. E. Melngailis
”Tumša nakte zaļa zāle”
La notta è buia e l’erba è verde/-
Come è bella la natura di notte, piena di meraviglie, di pace e di silenzio.

13. S. Broks ”Aiz azara bolti bārzi”
Le betulle bianche sono dietro al lago
Nei loro canti i lettoni raccontano il pittoresco della natura, i fiumi, i laghi, le foreste, i campi e anche, naturalmente, il buonumore e l’intelligenza della loro gente.



Inviato da Ferruccio il 17/9/2007 9:27:00 (978 letture)

A cent'anni dalla nascita del grande scalatore recoarese, Gino Soldà, sabato 22 settembre, alle Fonti di Recoaro, si terrà una serata di commemorazione con l'esibizione del Coro Acqua Ciara di Recoaro e del Coro El Vajo. L'alpinista vicentino, che ha legato il suo nome ad imprese memorabili sulle vette delle Piccole Dolomiti ed alla partecipazione alla vittoriosa spedizione sul K2 nel 1954, è rimasto nel cuore degli amanti della montagna. Schivo, forte nel carattere, determinato, è stato per generazioni un maestro di vita, avvicinando i giovani alla montagna, maestra di vita.
L'inizio della celebrazione è fissata per le ore 17.00 ed a seguire ci sarà la rassegna.


Inviato da Ferruccio il 17/9/2007 9:00:00 (1288 letture)

Straordinario successo del Coro nella tournée in terra canadese. Dodici giorni intensi, carichi di emozioni, a contatto con i nostri emigranti di prima generazione. Partiti negli anni cinquanta, alla ricerca di lavoro e fortuna, non hanno dimenticato la terra d'origine anzi, ne vanno orgogliosi e non perdono occasione per manifestarlo. Quattro gli appuntamenti significativi. Il concerto di martedì 7 agosto, al Centro Culturale Italiano di Vancouver, con ben 450 presenti; giovedì 9, alla Casa di Riposo Villa Serena, con la presenza degli anziani che ben conoscevano le nostre "cante"; venerdì 10 in occasione dei festeggiamenti per il 30° di fondazione del Circolo Vicentini di Vancouver, con serata di gala e la presenza di 650 persone; infine l'11 agosto, a Vittoria, alla presenza dei Veneti residenti nella capitale. Presenti, alla serata di gala, l'Assessore ai Flussi Migratori regionale Oscar De Bona ed il Presidente dell'Ente Vicentini nel Mondo Giuseppe Sbalchiero, accompagnato dalla signora Luigina e dal giornalista Franco Pepe. Interessante la parte culturale programmata, con la visita ai numerosi parchi, al porto ed ai luoghi che ospiteranno le Olimpiadi Invernali del 2010.
Guarda le immagini della tournee in Canada 2007


Inviato da Ferruccio il 12/4/2007 8:57:39 (1021 letture)

Il Coro stà predisponendo il materiale per la pubblicazione dello spartito di alcune cante del Maestro Paolo Gioco. Lavoro molto interessante, frutto della volontà di proporre brani nuovi, nella continua ricerca di espressioni legate al nostro tempo.
L'uscita è prevista per il prossimo autunno.


Inviato da Stefano il 7/2/2007 14:52:21 (1665 letture)

Sono stati inseriti nella sezione "Ascolta El Vajo" 5 nuovi brani registrati dal vivo nel corso della serata della solidarietà 2007.

Continua... | altri 449 byte | Commenti?

Inviato da Stefano il 6/2/2007 15:27:15 (2074 letture)

E’ ormai un consolidato evento ritrovare il coro El Vajo ai piedi della madonna della pieve, il primo sabato di febbraio, per celebrare una serata di spiritualità e di solidarietà attraverso il canto e la musica.

Continua... | altri 2985 byte | 1 commento

Inviato da Stefano il 4/7/2006 12:28:31 (1434 letture)

Il Golico
Miniera

In anteprima due videoclip sul concerto tenutosi a Marcinelle presso la miniera del BOIS DU CAZIER il 3 giugno scorso, se disponete di una connessione ADSL per visualizzarli in tempo reale sarà sufficiente cliccare sul nome del canto, altrimenti vi sarà possibile scaricare il filmato usando il tasto destro del mouse e scegliere (Salva oggetto con nome).
Buone emozioni


Inviato da Stefano il 3/7/2006 11:00:52 (1215 letture)

Siamo lieti di comunicare a tutti i nostri appassionati utenti, che nei prossimi giorni sarà possibile ascoltare attraverso l’apposito link ”Ascolta El Vajo” alcuni storici brani tratti dagli album 33 giri “TORNARE NELLA VALLE”, “ MONTAGNE COME NAVI” e dal 45 giri “NATALE COME”.
Le tracce sono state pazientemente rielaborate con tecniche innovative per una qualità superiore.


Inviato da Stefano il 23/6/2006 0:18:05 (1179 letture)

In attesa di completare la sezione dedicata alla storia del coro, sintetizziamo con questa news i primi 10 anni di attività.

1969: II coro, diretto dal maestro Abramo Fraccaro, organizza la prima rassegna dei cori «Valle del Chiampo ».
1970: È un anno d'intensa preparazione, delle prime esperienze; partecipa al concorso nazionale di Lecco,
1971: Assume la direzione del coro l'attuale maestro Candido Lucato.
1972: Prime uscite nell'ambito della valle; migliorando la fusione delle voci il coro acquista disinvoltura e sicurezza.
1973: Partecipa al concorso nazionale di Adria (terzo classificato), e si esibisce con i migliori cori finalisti.
1974: Rassegna di Cittadella, Vicenza (Canneti), Bassano del Grappa, Brescia; si comincia a cantare qualche composizione di Candido Lucato.
1975: Dopo il concorso nazionale di Vittorio Veneto (secondo classificato), appare in televisione per la rassegna di canti della Resistenza.
1976: Esibizioni a Padova, Venezia, Mestre, Arzignano (XVI" rassegna).
1977: Tournée in Belgio, in Francia e in Lussemburgo. In settembre partecipa alla Settimana del Turista a Porec, in Jugoslavia.
1978: II coro si sente ormai maturo e incide il suo primo LP. In novembre ritorna in Belgio e canta a Charleroi; il concerto è ripreso dalla TV Belga,
1979: In ottobre il coro « El Vajo » canta a S. Gallo in Svizzera, festeggia i 10 anni di vita, organizza la Xª rassegna e incide il secondo disco con quattro canti natalizi.


« 1 ... 6 7 8 (9)

Contattaci : info@elvajo.it